Quando i distillatori clandestini indossavano le "Scarpe di mucca" per sfuggire alla cattura - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Quando i distillatori clandestini indossavano…
9 problemi di giardinaggio che puoi risolvere con del semplice aceto bianco Estrarre idrogeno dall'aria inquinata: questo dispositivo lo permette

Quando i distillatori clandestini indossavano le "Scarpe di mucca" per sfuggire alla cattura

26 Maggio 2017 • di Giulia Bertoni
22.543
Advertisement

Nel 1919, attraverso l'emanazione di due testi legislativi, gli Stati Uniti proibirono la produzione, vendita, importazione e trasporto di sostanze alcoliche. La legge rimase in vigore fino al 1933 ma, come forse saprete, non si trattò di una misura che ebbe successo: come spesso avviene, il divieto portò semplicemente ad altri metodi di produzione (la distillazione clandestina) e chi "lavorava" in questo campo escogitava gli stratagemmi più disparati per sfuggire alla cattura, fra cui quello delle cosiddette "scarpe di mucca".

Immagine di copertina: National Archives Identifier

Le distillerie clandestine americane si trovavano quasi sempre nascoste dalla fitta vegetazione di una foresta.

immagine: Dave/Flickr

Negli anni del proibizionismo la caccia ai produttori illegali di alcol era una sorta di caccia alle streghe.

E siccome le indagini si svolgevano con metodi che possiamo trovare descritti in un libro di Arthur Conan Doyle, per sfuggire alla cattura i criminali ricorrevano a uno stratagemma degno di Sherlock Holmes.

immagine: Dominio pubblico
Advertisement

Ricorrevano a quelle che venivano chiamate "Cow Shoes" (scarpe di mucca); grazie a esse i poliziotti non trovavano traccia di impronte umane nella foresta e non riuscivano a scovare le distillerie clandestine.

Fino al 1922 questo semplice ma efficace trucco rimase un segreto noto solo ai produttori di alcol clandestini, ma poi lo stratagemma venne scoperto e la polizia lo rese noto in tutto il paese.
In ogni caso la legge si rivelò un fallimento totale: in quegli anni non solo non s'impedì la produzione di alcol, ma aumentarono anche il tasso di crimini (24%), omicidi (13%) e assuefazione a droghe (45%). 

Tags: UsaCuriosiStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie