Il primo capolavoro di Gaudí è finalmente aperto al pubblico: scoprite Casa Vicens - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il primo capolavoro di Gaudí è finalmente…
5 regole che possono aiutarvi a scegliere l'anguria più buona Spina di pesce nella gola: niente panico, ecco come eliminare il fastidio in un solo colpo

Il primo capolavoro di Gaudí è finalmente aperto al pubblico: scoprite Casa Vicens

25.652
Advertisement

Dopo esser diventata patrimonio dell'UNESCO casa Vicens è finalmente aperta al pubblico e può essere visitata come un museo. Massimo esponente del modernismo catalano, Antoni Gaudí non fu mai veramente attivo nel movimento, di cui comunque condivideva gli ideali e i presupposti completandoli con la sua ispirazione basata su forme naturali. Quasi tutta l'opera architettonica di Gaudí è articolata nel capoluogo catalano e le sue creazioni vengono alla luce come plasmate da un mondo onirico con forme straordinarie e imprevedibili, realizzate con i più diversi materiali (mattone, ceramica, vetro e ferro).

immagine: ume-y | Flickr

Quando gli fu commissionata casa Vicens, Gaudí aveva 31 anni; a incaricarlo fu il proprietario di una fabbrica di mattoni e piastrelle, Manuel Vicens i Montaner. La casa fu costruita tra il 1883 e il 1885 e fu il primo grande lavoro realizzato dall'artista spagnolo, che avrebbe dato vita alla nuova era dell'architettura moderna. La costruzione è situata nel quartiere Gràcia che al tempo non era considerato parte di Barcellona; la casa era probabilmente la residenza estiva di Montaner. 

La costruzione, dalle influenze arabe, era ornata da vibranti colori e caratterizzata dall'uso originale di mattoni, tegole e ferro che poi rese Gaudí famoso in tutto il mondo. Inoltre sia l'esterno che l'interno della casa hanno delle decorazioni floreali che ricordano i giardini fioriti catalani. Dopo la morte di Vicens nel 1895 l'edificio passò da un proprietario all'altro fin quando nel 2014 la casa finì nelle mani di una fondazione privata che aveva l'obiettivo di trasformare la residenza in un museo aperto al pubblico.

Advertisement

Si è cercato di mantenere lo stile di Gaudí nella maniera più fedele possibile, per questo hanno deciso di non arredare la casa. Ha detto Joan Abelà, direttore dell'ormai museo a Barcellona: "Abbiamo fatto molti tentativi per arredare la casa cercando di riportare l'essenza di Gaudí. Ma non esistono foto del suo arredamento nel 1885, è per questo che abbiamo deciso di non arredarla".

Perciò, se capitate nei pressi di Barcellona, non esitate e andate a vedere casa Vicens!

Advertisement
Tags: ArtistiArteBarcellona
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie