L'apice dell'inganno visivo: questo scultore riesce a trasformare l'argilla in legno - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
L'apice dell'inganno visivo: questo…
Questi 10 fatti sconcertanti dimostrano che il selvaggio West era davvero SELVAGGIO La fotografia secondo i droni: spettacolari immagini che qualche anno fa potevamo solo immaginare

L'apice dell'inganno visivo: questo scultore riesce a trasformare l'argilla in legno

8.684
Advertisement

Lo scultore americano Christopher David White è in grado di realizzare opere che all'apparenza sembrano essere state ricavate da vecchi ceppi di legno segnati dal tempo, in cui la mano dell'artista è riuscita ad estrarre volti ed altri particolari umani... peccato che non si tratti di legno!

Guardando queste straordinarie sculture iperrealiste avreste mai immaginato si trattasse di argilla lavorata? Vi sfidiamo a trovarne anche solo una dove si intuisca che non si tratti di legno... impossibile!

Immagini: Christopher David White

Anche l'occhio del più attento osservatore è ingannato dalla maestria di Christopher...

... lo scultore è in grado di ricavare dettagli antropomorfi dall'argilla, imprimendovi le caratteristiche venature del legno!

Advertisement

Christopher riflette sul concetto di bellezza legata alla decadenza e lo fa in un modo davvero originale!

"Utilizzo l'argilla per dimostrare come la nostra comprensione del mondo sia pura illusione", sottolinea l'autore.

Advertisement

E ancora "La giustapposizione di elementi naturali ad elementi antropomorfi aiuta nella definizione di una percezione alterata...

Advertisement

... e così si costringe lo spettatore ad osservare da più vicino", rivelando l'inganno ottico che c'è dietro!

Tags: ArteIncredibili
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie