La spada nella roccia? Esiste davvero, e si trova in un'affascinante cappella del centro Italia - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La spada nella roccia? Esiste davvero,…
Oggi sono considerati pericolosi, ma conoscere il ruolo che i pit bull avevano in passato vi stupirà Piante letali da tutto il mondo: scoprite con noi il

La spada nella roccia? Esiste davvero, e si trova in un'affascinante cappella del centro Italia

12.802
Advertisement

Tutti noi abbiamo sentito parlare del mito della spada nella roccia ma pochi sanno che oltre alla leggendaria Excalibur di Re Artù ne esiste una in territorio italiano tuttora visibile. Nel piccolo comune di Chiusdino (provincia di Siena), si trova infatti una cappella costruita nel 1181 all'interno della quale è custodita la leggendaria spada che il cavaliere Galgano Guidotti conficcò nella roccia come simbolo della sua rinuncia ai beni materiali, dando così il via alla sua vita da eremita...

 

A pochi metri dall'ormai abbandonata Abbazia cistercense di San Galgano si trova un eremo meta di curiosi e devoti che custodisce una spada leggendaria.

immagine: italianways.com

L'eremo fu costruito nel luogo in cui il cavaliere Galgano, oggi Santo, si ritirò a vivere da eremita e dove morì nel 1181.

immagine: paradoxplace
Advertisement

Al centro della struttura si trova il masso con la spada conficcata da San Galgano quando, prendendosi gioco di una voce ultraterrena, disse che non poteva rinunciare ai piaceri terreni.

immagine: wiki

La leggenda narra che quando Galgano Guidotti udì una voce che gli intimava di rinunciare ai piaceri terreni, egli rispose che sarebbe stato più facile tagliare la roccia con una spada. Provandoci solo per mostrare che era impossibile, però, riuscì nell'intento senza volerlo. Decise allora di smettere le vesti del cavaliere e non abbandonò mai più il posto in cui accadde il miracolo.

L'eremo custodisce anche i resti degli arti di uno dei ladri che, si dice, tentò di trafugarla: i lupi gli strapparono le braccia ma alla fine lo risparmiarono perché invocò il perdono di Galgano.

Tags: ItaliaCuriosiStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie