I pesci rossi sono dannosi per l'ambiente: non dovresti mai liberarli in natura - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I pesci rossi sono dannosi per l'ambiente:…
In Australia esiste un santuario pieno di meravigliose sculture: scoprite chi le ha create e perché Questo tranquillo paesino austriaco nasconde uno dei luoghi più inquietanti mai visti

I pesci rossi sono dannosi per l'ambiente: non dovresti mai liberarli in natura

28 Agosto 2016 • di Marco Renzi
139.793
Advertisement

Quella di liberare gli animali domestici nell'ambiente naturale, convinti di regalare loro una vita felice, sembra essere una cattiva abitudine che attraversa trasversalmente il globo. In Australia infatti è stato condotto un preoccupante studio da parte della Murdoch University che prendeva in considerazione uno tra i più comuni animali che troviamo nelle case: il pesce rosso (Carassius auratus).

A quanto pare molti sprovveduti possessori di acquari hanno deciso di sbarazzarsi dei loro piccoli amici gettandoli nei fiumi o nei laghi. Risultato? Un gigantesco (mai aggettivo fu più appropriato) problema da risolvere.

Quando vengono tenuti in casa infatti, i pesci rossi crescono lentamente (anche perché, diciamocelo, raramente sopravvivono molto a lungo...), ma quando vengono liberati la situazione cambia. Con molto spazio a disposizione e un'alimentazione variegata riescono ad arrivare a dimensioni impensabili, pari a quelle delle trote o delle carpe.

immagine: its-interesting

Ovviamente le altre specie con cui convive non sono equipaggiate fisicamente e strategicamente per contrastarlo: fa incetta di uova, girini, avannotti e piante, distruggendo di fatto l'ecosistema del territorio.

E non pensate che sia un problema circoscrivibile! Alcuni esemplari, sempre secondo lo studio, possono percorrere oltre 200 km in un anno.

Advertisement
immagine: boston.com

Come se non bastasse, i pesci di allevamento destinati agli acquari possono immettere nell'ambiente parassiti e virus contro i quali le specie autoctone non hanno alcuna protezione. Per lo stesso motivo infatti, quando un pesciolino passa a miglior vita non andrebbe mai gettato nel gabinetto.

immagine: washingtonpost.com

In conclusione, vi starete chiedendo cosa sia giusto fare nel caso in cui il vostro amico diventi troppo impegnativo (?) da tenere in casa. Prima di arrivare alla soluzione estrema dell'eutanasia, potete sempre provare a darlo ad un amico, mettere un annuncio su internet per regalarlo o portalo ai negozi che spesso lo riprendono indietro.

Insomma, siete già colpevoli di aver preso un animale senza essere certi di poterlo tenere... un piccolo sforzo per regalare una vita felice a lui e all'ambiente potete anche farlo!

Tags: AnimaliNaturaPesci
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie