Il vero motivo per cui i termosifoni si trovano sotto la finestra: ecco qual è

Francesca Argentati image
di Francesca Argentati

12 Ottobre 2023

Il vero motivo per cui i termosifoni si trovano sotto la finestra: ecco qual è
Advertisement

I termosifoni sono uno strumento indispensabile durante le stagioni più fredde, che ci permettono di riscaldare l'ambiente domestico quando fuori le temperature scendono inesorabilmente. Tuttavia, forse non ti sei mai domandato perché spesso sono situati proprio sotto le finestre: c'è un motivo preciso per questa collocazione. Scopiamo qual è.

Advertisement

Termosifoni, quando sono stati inventati?

Termosifoni, quando sono stati inventati?

Pexels

Come faremmo senza i termosifoni in inverno? Quelli che vengono chiamati anche radiatori sono un elemento essenziale dei sistemi di riscaldamento centralizzato nelle abitazioni, ma anche in altri tipi di edifici e strutture. La loro storia ha origine nell'antica Roma, dove vennero sviluppati i primissimi sistemi di riscaldimento centralizzato, sfruttando il principio del riscaldamento a pavimento, tramite il quale i condotti sotterranei conducevano il calore alle varie stanze partendo da una fonte centrale.

Tuttavia, i termosifoni che siamo abituati a conoscere sono un'invenzione riconosciuta all'italiano Pietro da Zanna, che nel 1839 inventò il primo calorifero ad aria compressa. Nel 1855, l'italo-russo Franz Karlovich San Galli lo perfezionò brevettando il primo radiatore ad acqua. Inizialmente venne impiegato per riscaldare le serre di case reali, per poi estendersi alla dimora dello zar e delle famiglie nobili russe, fino a diffondersi e diventare la forma più popolare di riscaldamento centralizzato. Questo suo riconoscimento persiste ancora oggi, anche se non è scevro dalle tematiche inerenti gli impatti ambientali e il risparmio energetico, motivo per cui la ricerca di soluzioni innovative è in costante attività. Fornire un riscaldamento adeguato riducendo sia l'inquinamento che i costi delle bollette è senza dubbio un obiettivo comune.

Dai materiali in ghisa di un tempo, che viene comunque tutt'ora utilizzata, i termosifoni si sono evoluti in modelli realizzati in alluminio e acciaio, oltre a svilupparsi in varie tipologie per andare incontro alle esigenze delle diverse strutture più recenti. I più comuni sono quelli a parete e a pavimento, ma perché la maggior parte di quelli che troviamo in molte case si trovano sotto le finestre?

Advertisement

Ecco perché i i termosifoni si trovano sotto la finestra

Ecco perché i i termosifoni si trovano sotto la finestra

Freepik

Avrai di certo notato che, in molte case e forse anche la tua, la maggior parte dei termosifoni si trova sotto le finestre. Probabilmente, però, non ti sei mai domandato il motivo o forse non lo conosci. C'è una valida ragione per questa scelta e risale a prima dell'invenzione dei doppi vetri. Le finestre, prima di quel momento, erano per lo più a vetro singolo e rappresentavano, per ovvi motivi, il punto più freddo di una stanza. Il vetro sottile, infatti, disperdeva molto facilmente il calore, di conseguenza quest'area era soggetta a spifferi e correnti gelide.

Così, non avendo ancora un'altra soluzione, i termosifoni venivano posizionati proprio sotto di esse: in questo modo il calore emanato era in grado di salire verso la finestra, riscaldando la zona circostante e contrastando il freddo proveniente dall'esterno. La superficie della finestra era effettivamente più calda, dal momento che il radiatore produceva - e produce tutt'ora - una sorta di "pellicola di calore protettiva". Questo segue il principio della termodinamica, secondo cui l’aria fredda scende e l’aria calda sale: l'aria fredda che entra dalla finestra spinge contro l'aria calda che sale dal radiatore, facendola circolare nella stanza.

Naturalmente, molte abitazioni odierne sono dotate di doppi o tripli vetri e il freddo esterno difficilmente riesce a penetrare con la facilità precedente. Questo è il motivo per cui negli edifici moderni o nella tua casa, se è di costruzione recente, i termosifoni sono ubicati in altri punti delle stanze. Qual è, quindi, il punto migliore in cui sistemare i termosifoni oggi?

Dove posizionare i termosifoni nelle case moderne

Dove posizionare i termosifoni nelle case moderne

Curioctopus

Le soluzioni moderne sono inevitabilmente diverse rispetto a quelle del passato vittoriano, grazie quindi all'introduzione dei vetri doppi e tripli. Nella scelta che riguarda il posizionamento del termosifone, a oggi, i fattori da tenere in considerazione sono decisamente cambiati. Cosa guida questa scelta e quali elementi vanno tenuti in considerazione?

  • Arredamento: se ancora devi iniziare ad arredare la tua casa, dovrai tenere conto della disposizione futura dei mobili, perché questo aspetto inciderà in modo importante sull'efficienza del termosifone. Questo, ad esempio, non dovrà essere bloccato da un divano o da un mobile, perché in caso contrario non riuscirà a riscaldare tutta la stanza.
  • Finestra: non è stata del tutto abbandonata questa opzione, ma per un motivo diverso e che riguarda la comodità. Difficilmente sotto la finestra verranno ubicati mobili o tavoli, anche per rendere più facile affacciarsi, dunque la scelta di destinare questo spazio proprio al radiatore potrebbe rivelarsi pratica.
  • Stanza più fredda: valuta quale sia la zona più fredda della stanza, come una specifica parete, angolo o punto soggetto a spifferi e correnti. Proprio qui potresti installare il tuo radiatore, scegliendo magari un modello munito di materiale termoriflettente, che impedirà alla parete di assorbire e disperdere il calore.
  • Design: con la loro evoluzione, i radiatori hanno affiancato alla mera funzionalità anche un valore estetico. In base al tuo arredamento o allo stile domestico che vuoi ottenere, puoi scegliere tra una moltitudine di modelli, dimensioni e forme, a patto che sia idoeno al sistema di riscaldamento.

Come ottenere calore in casa e sfruttare al meglio i termosifoni

Come ottenere calore in casa e sfruttare al meglio i termosifoni

Curioctopus

Nonostante gli evoluti sistemi di riscaldamento domestico, cosa possiamo fare per preservare il calore tra le mura di casa?

  • Tende: gli esperti consigliano di non coprire mai i termosifoni con le tende quando il riscaldamento centralizzato è acceso, altrimenti il calore finirà per dirigersi verso l'esterno, piuttosto che al centro della stanza.
  • Vapore: sfrutta il vapore prodotto dalla doccia calda, facendo in modo che si diffonda anche nelle altre stanze della casa apportando un leggero calore. Mentre sei nel box, lascia aperta la porta del bagno in modo che nel frattempo tutta la casa sia inondata del piacevole tepore.
  • Luce diurna: quando ci sono delle giornate di sole durante i periodi freddi, tieni aperte le tende e lascia penetrare i raggi del sole, sfruttando questo sistema naturale per riscaldare la tua casa senza accendere i termosifoni.
  • Para-spifferi: impedire a spifferi e correnti fredde di entrare in casa non è così semplice, ma dotando la parte inferiore delle porte di paraspifferi sarà di certo utile.

E tu come riscaldi al meglio la tua casa?

Advertisement