Una delle ultime giraffe bianche è stata dotata di un GPS per provare a salvarla dai bracconieri - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una delle ultime giraffe bianche è…
Le cicatrici di alcuni squali bianchi proverebbero che vengono attaccati da calamari giganteschi, secondo gli studiosi Una scuola installa 1400 pannelli solari: con i soldi risparmiati aumenta gli stipendi degli insegnanti

Una delle ultime giraffe bianche è stata dotata di un GPS per provare a salvarla dai bracconieri

22 Novembre 2020 • di Marco Renzi
839
Advertisement

Alla fine del 2019 sul web fece molto scalpore l'avvistamento di due giraffe bianche, mamma e cucciolo, che si aggiravano nelle praterie del Kenya (foto di seguito). Purtroppo alcuni di voi ricorderanno che solo pochi mesi dopo a quella notizia ne seguì un'altra, molto meno gioiosa: nella primavera del 2020 infatti, le autorità confermarono che i due animali erano stati abbattuti dai bracconieri.

Il fenomeno della caccia di frodo è in Africa una vera e propria piaga, che sta portando alcune specie sull'orlo dell'estinzione. I ranger però non stanno di certo a guardare, e mettono in campo contromisure più o meno tecnologiche per proteggere gli animali. Proprio come quella che è stata adottata con un'altra giraffa bianca: una delle ultime – se non l'ultima – presenti in Kenya.

via: bbc.com

Le autorità hanno individuato in Kenya un giovane maschio che, come le altre due, è affetto da una condizione genetica chiamata leucismo, che comporta la perdita di pigmentazione della pelliccia. Per tenerlo al riparo dai malintenzionati, si è deciso di dotarlo di un GPS che ne possa tracciare i movimenti.

Dopo averlo addormentato, i ranger del parco gli hanno quindi applicato una sorta di piccolo radiocollare ad uno dei corni che le giraffe hanno sul capo. Esso invierà alle autorità  informazioni su base oraria, indicando la posizione dell'animale e dissuadendo – questa la speranza – eventuali cacciatori di frodo.

Advertisement

Grazie alle abbondanti piogge cadute in queste regioni, l'animale gode di ottima salute; è piuttosto solitario ed ama vagare nella vegetazione lussureggiante. Con la speranza che questo strumento di protezione riesca nel suo intento, facciamo tutti il tifo per lui.

Tags: AnimaliNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie