Rubava scatti di sconosciuti nascondendo la macchinetta: il 1° "paparazzo" della storia agiva nel 1890 - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Rubava scatti di sconosciuti nascondendo…
Provano a costruire una libreria vista on-line: ciò che ha creato questa coppia va oltre le aspettative Quest'uomo ha scattato una foto per ogni

Rubava scatti di sconosciuti nascondendo la macchinetta: il 1° "paparazzo" della storia agiva nel 1890

6.471
Advertisement

Il matematico e astronomo norvegese Fredrik Carl Mülertz Størmer è noto nel suo ambito per gli studi sul fenomeno dell'aurora polare e per quelli che nella teoria dei numeri vengono chiamati "numeri di Størmer", eppure quest'uomo viene ricordato anche per un suo curioso passatempo: andare in giro per la città di Oslo a fotografare di nascosto i passanti suoi concittadini.
Nonostante i suoi meriti scientifici, insomma, Størmer può essere definito il primo paparazzo di Norvegia!

Nel 1893, quando era ancora uno studente presso la Royal Frederick University, il diciannovenne Carl Størmer entrò in possesso di una fotocamera chiamata Concealed Vest Camera, prodotta dall'azienda tedesca Stirn.

Il prodotto era in commercio dal 1888 e Størmer lo utilizzò con una certa assiduità.

Advertisement

Come dichiarò in un'intervista concessa al quotidiano St. Hallvard nel 1942:

"Sembrava un contenitore di latta dalla forma schiacciata che nascondevo sotto il gilè di cui, attraverso una delle asole, spuntava solo l'obiettivo".

Størmer aveva una strategia chiara per ottenere i suoi scatti: si recava in via Carl Johan, individuava una "vittima" e le rivolgeva un cenno di saluto.

Non appena la persona si accingeva a rispondere, il futuro matematico tirava un laccio collegato alla macchina e che aveva fatto passare per la tasca dei pantaloni.

A ogni uscita poteva scattare un massimo di sei fotografie.

Non appena rientrava, Størmer sviluppava i suoi scatti rubati e cambiava il negativo, pronto ad andare a caccia di altri ignari soggetti.

Così facendo, nei suoi anni di università quest'uomo arrivò a scattare oltre 500 fotografie.

E oggi, oltre alle professioni più autoritarie che svolse con successo, può anche essere definito come uno dei primi paparazzi della storia!

Potete cliccare qui per visionare altri scatti rubati ad opera di Carl Størmer .

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie