La moda che uccideva: ecco i veleni inconsapevolmente usati nella sartoria vittoriana - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La moda che uccideva: ecco i veleni…
In questo museo giapponese sono conservati 1700 sassi: il motivo? Guardateli più da vicino! Quando papà e figli sono soli: ecco le esilaranti prove di ciò che possono combinare insieme!

La moda che uccideva: ecco i veleni inconsapevolmente usati nella sartoria vittoriana

20 Novembre 2016 • di Giulia Bertoni
13.601
Advertisement

Sin da prima dell'avventi dell'epoca vittoriana per le famiglie benestanti l'attenzione riservata all'abbigliamento era veramente molta. Apparire in pubblico eleganti e curati era infatti una questione di fondamentale importanza per risaltare il proprio rango sociale. Peccato però che allora ancora non si conoscevano bene le conseguenze dell'utilizzo di certi materiali... In un libro di recente pubblicazione dal titolo Fashion Victims vengono prese in esame le abitudini sartoriali in voga tra il XVIII e il XIX secolo e in particolare come alcune sostanze usate regolarmente in essa fossero in realtà... mortali.

Per oltre due secoli per realizzare capi d'abbigliamento si ricorse all'uso di sostanze altamente tossiche che spesso, per incidenti o semplice ignoranza, arrivavano a uccidere chi li indossava.

Nel libro Fashion Victims si ripercorre l'intera storia della "morte da vestito", partendo dal 1700 e arrivando agli anni Trenta del 1900.

Advertisement

Uno degli aspetti più pericolosi relativi ai materiali era l'utilizzo della crinolina, un tipo di stoffa altamente infiammabile che veniva utilizzata per foderare le sottane delle donne.

immagine: Wellcome Library

La rapidità con la quale questo materiale può prendere fuoco lo rendeva davvero inadatto per la realizzazione di vesttit.

immagine: Bloomsbury

Un altro problema era creato dall'utilizzo dell'arsenico come mordente nella tintoria...

Advertisement

Questo è un esempio dei danni che questa sostanza provocava alla pelle.

Qui vediamo un capo femminile realizzato proprio con la tintura verde a base di arsenico.

Advertisement

Sapete poi perché il Cappellaio matto di Alice nel Paese delle Meraviglie è, appunto, matto? Perché per creare i famosi cilindri neri veniva utilizzato il... mercurio. E fu così per ben 200 anni.

Infine ecco un prodotto per la pelle a cui proprio non si poteva rinunciare: una confezione di cipria contenente, fra le altre cose, piombo.

Il libro, curato da Alison Matthews David, s'intitola Fashion Victims: The Dangers of Dress Past and Present e lo potete trovare qui.

Tags: CuriosiModaStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie