Analizzano il cervello di 37 persone vissute in città molto trafficate: il risultato è sconfortante - Curioctopus.it
x
Analizzano il cervello di 37 persone…
Le foto paesaggistiche più belle? Sono state scattate da un ragazzo appena 16enne! Ecco come un uomo ha trasformato la vita di tutto il suo villaggio... per amore di sua moglie

Analizzano il cervello di 37 persone vissute in città molto trafficate: il risultato è sconfortante

16 Settembre 2016 • di Claudia Melucci
4.813
Advertisement

Nel mondo in cui viviamo siamo continuamente minacciati dalle conseguenze di ciò che l'uomo ha fatto alla natura. Un esempio su tutti? La qualità dell'aria che respiriamo: gli effetti dell'inquinamento sono ormai evidenti, ma il problema sembra continuare a non essere preso sul serio. 

Un recente studio condotto nell'Università di Lancaster, Regno Unito, lancia un ultimo grido di pericolo: gli inquinanti che respiriamo si accumulano nel cervello provocando danni irreparabili. Ecco cosa hanno scoperto i ricercatori. 

Sono stati esaminati i cervelli di persone decedute residenti in città molto trafficate come Città del Messico e Manchester.

immagine: zmescience.com

Gli esami hanno rivelato elevate concentrazioni di magnetite, un ossido di ferro tipicamente presente nelle aree inquinate, pari a milioni di particelle per grammo di tessuto; una quantità impressionate che neanche i ricercatori pensavano possibile.

La magnetite è una particella molto reattiva in grado di determinare la veloce ossidazione delle cellule degli organi umani; il processo ossidativo è in stretta correlazione con l'Alzheimer ed altre malattie neurodegenerative. 

Lo studio desta grande preoccupazione: il legame tra inquinamento, stress ossidativo e rischio di malattie neurodegenerative è già supportato da altre ricerche.

La magnetite è una presenza talvolta naturale nel cervello umano, ma le particelle proveniente da aria malsana sono inconfondibili: a differenza delle prime, piccole e a forma di cristallo, le ultime sono di dimensioni maggiori, lisce e tondeggianti in quanto derivano dal metallo fuso prodotto dalla combustione. Hanno un diametro di 200 nanometri (quello di un capello è di 50.000 nanometri) e spesso si accompagnano ad altri inquinanti come cobalto, platino e nickel. 

Advertisement

Per ogni particella di magnetite naturale, ne sono state 100 di origine industriale. 

immagine: item.btime.com

I dati conclusivi della ricerca sono ancora in fase di studio ma una certezza si può già affermare; le particelle inquinanti contenute nell'aria che respiriamo si fanno strada fino al cervello e lo contaminano in modo irreversibile. Ulteriori studi dovranno spiegare in modo dettagliato i danni provocati da tali inquinanti. 

Nel frattempo è bene ricordare la regola d'oro; un'alimentazione sana, attività fisica e smettere di fumare aiutano a prevenire malattie neurodegenerative! 

Tags: CittàSalute
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie