Genitori cinesi accampati nelle università: quando l'amore per i figli sfiora l'ossessione

Giulia Bertoni

09 Settembre 2016

Genitori cinesi accampati nelle università: quando l'amore per i figli sfiora l'ossessione
Advertisement

In Cina, un paese con 1,4 miliardi di cittadini, la politica del figlio unico ha portato a un attaccamento fra genitori e figli davvero particolare. Per chi riesce a ottenere un posto all'università, di fatto l'unico modo per elevarsi socialmente in un contesto demografico in cui la concorrenza è altissima, arriva il momento della separazione che spesso implica il non vedersi per mesi e mesi. Per questo, da alcuni anni a questa parte, ci sono atenei che permettono ai genitori di rimanere insieme ai propri figli per i primi 3 giorni della loro nuova vita.

Immagini: qz.com

via dailymail.co.uk

Advertisement

Le grandi distanze fra città di origine e città di destinazione universitaria spesso permettono alle famiglie il ricongiungimento solo in occasione del capodanno cinese.

Le grandi distanze fra città di origine e città di destinazione universitaria spesso permettono alle famiglie il ricongiungimento solo in occasione del capodanno cinese.

Il fatto che il nucleo famigliare sia composto di sole tre persone rende difficile la separazione.

Il fatto che il nucleo famigliare sia composto di sole tre persone rende difficile la separazione.
Advertisement

Per questo università come quella di Tian Jin permettono ai genitori di accamparsi nelle palestre e in altri spazi e stare così insieme ai figli per i primi giorni di vita universitaria.

Per questo università come quella di Tian Jin permettono ai genitori di accamparsi nelle palestre e in altri spazi e stare così insieme ai figli per i primi giorni di vita universitaria.

Le università hanno messo a disposizione non solo gli spazi ma anche servizi igienici, aria condizionata e altro ancora.

Le università hanno messo a disposizione non solo gli spazi ma anche servizi igienici, aria condizionata e altro ancora.

Anche prima di questa iniziativa, molti genitori usavano dormire fuori dalle mura dei campus solo per far sapere ai figli che comunque erano nelle vicinanze. Ora sempre più atenei si stanno organizzando per migliorare le condizioni di questo curioso soggiorno a cui, pare, non rinuncerebbero per nulla al mondo.

Advertisement