Dormire in una stalla e molto altro: ecco cosa subiscono alcune donne nepalesi durante il ciclo - Curioctopus.it
x
Dormire in una stalla e molto altro:…
Vietato rilassarsi in spiaggia: ecco dei luoghi in cui la marea assume proporzioni epiche Questa donna usa i materiali più diversi per creare piccoli gioielli di artigianato... sottovetro

Dormire in una stalla e molto altro: ecco cosa subiscono alcune donne nepalesi durante il ciclo

06 Agosto 2016 • di Giulia Bertoni
48.245
Advertisement

Ogni cultura porta con sé delle usanze che in altri luoghi del pianeta possono far inorridire chi ne viene a conoscenza. Sta facendo discutere un progetto portato avanti dall'associazione Water Aid che in occasione della Giornata dell'igiene mestruale (28 maggio) ha permesso a un gruppo di ragazze nepalesi di fotografare tutte le cose che non sono autorizzate a fare nei giorni in cui hanno il ciclo. L'obiettivo del progetto è sensibilizzare l'opinione pubblica nei confronti di una pratica (Chhaupadi) che intacca la dignità delle donne in questa zona del mondo.

Immagini: Water Aid.

Water Aid ha dotato alcune ragazze del villagio di Sindhuli (Nepal centro-meridionale) di fotocamere con le quali documentare la vita durante il periodo delle mestruazioni.

Qui Manisha Karki ha fotografato il fiume che deve raggiungere per lavare gli abiti che usa durante il ciclo. Lavarli alla fonte del villaggio è vietato.

Anche consumare i pasti con il resto della famiglia non è possibile.

Advertisement

Così come guardarsi allo specchio...

... o cucinare.

In alcune zone rurali del Nepal occidentale si arriva al punto in cui le donne sono costrette a trascorrere i giorni del ciclo nelle stalle per il bestiame.

Secondo la UN Women, in suddette zone la credenza che le donne diventino degli esseri impuri e quindi intoccabili interessa il 95% della popolazione.

Tags: DonneCulturaliDossier
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie