Accesso vietato da un secolo: ecco la Zona Rossa francese che quasi nessuno conosce - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Accesso vietato da un secolo: ecco la…
La costruzione della piramide di Cheope: un papiro di 4500 anni fa la racconta giorno per giorno Le misteriose pietre

Accesso vietato da un secolo: ecco la Zona Rossa francese che quasi nessuno conosce

342.650
Advertisement

Se pensate alla Francia probabilmente vi verranno in mente la Torre Eiffel, i profumi della Provenza, i piccoli villaggi che sembrano usciti da un libro di favole, il glamour della Croisette durante il Festival di Cannes o gli incantevoli castelli della Loira... Ma la Francia non è solo arte e bellezza; soprattutto durante la Prima Guerra Mondiale, il suo paesaggio era ben più macabro...

Tutt'oggi c'è una zona, dove un tempo sorgeva un sereno e bucolico villaggio, che è stata dichiarata "rossa", ovvero soggetta ad alto rischio e nella quale l'accesso è vietato da quasi un secolo.

Vediamo perché...

Con la locuzione "Zone Rouge" (in italiano zona rossa), si definisce un'area soggetta ad alto rischio di carattere ambientale, sociale o di altro genere

immagine: Reddit

"Vietato entrare. Pericolo di morte", avvertono i cartelli in prossimità dell'area

Advertisement

"Douaumont. Villaggio distrutto"

"Qui si trovava la chiesa", recita laconico un altro cartello

Ma perché, a quasi un secolo dalla fine della guerra, l'area è ancora off limits?

immagine: Hobby Earth
Advertisement

La zona è stata uno degli scenari principali della battaglia di Verdun (1916), una delle più violente e sanguinose battaglie della Prima Guerra Mondiale

immagine: Zagopod

Il suolo del territorio è ancora contaminato: i ricercatori vi hanno trovato una percentuale elevatissima di arsenico (17%)

Advertisement

Un livello che è di 300 volte superiore alla soglia di tolleranza umana

Lo stesso vale per gli animali, specialmente per i cinghiali selvatici, intossicati dall'arsenico

immagine: China News
Advertisement

Ovviamente è vietato farsi il bagno nelle acque vicine

Solo l'1% della vegetazione è sopravvissuta

E, vedendo come era stata ridotta, sembra già un miracolo

Nel 2012 il governo ha ufficialmente vietato l'accesso al sito, dopo averne constatato la pericolosità

Nel 1946 era stata fatta una prima operazione per eliminare le armi e le bombe inesplose nel territorio, ma non è stato sufficiente

immagine: The Firearm Blog

Zona blu: nessun danno

zona verde: mediamente danneggiata

zona gialla: danni importanti

zona rossa: completamente devastata

Durante l'operazione ci furono nuove vittime causate dalle bombe inesplose

immagine: Joe Monster

Ed è stato chiaro che per altri, numerosi anni, il suolo di quei territori sarebbe stato contaminato da piombo, zinco e mercurio

immagine: Joe Monster

Gli scienziati insistono sull'assoluta necessità di monitorare la zona costantemente

Durante la battaglia di Verdun morirono oltre 300.000 persone

Sembra assurdo che, a quasi un secolo dalla fine del conflitto, ci siano state altre vittime

immagine: The Firearm Blog

Ma la violenza della guerra sembra continuare oltre la guerra stessa...

Nelle zone limitrofe invece gli animali continuano occasionalmente a pascolare

immagine: EJT Labo

Le autorità sostengono che ci vorranno dai 300 ai 700 anni per completare la pulizia della zona e perché possa tornare abitabile

immagine: Imgur

Ma i più pessimisti affermano che una pulizia completa sarà impossibile

Strano pensare che prima, nella zona rossa, sorgeva un villaggio pittoresco...

Abitato da gente che viveva una vita serena nell'affascinante campagna francese

Ma non c'è più traccia delle loro vite

immagine: Joe Monster

Invece le trincee sono ancora visibili

Oltre ai memoriali dedicati a coloro che persero la vita nella battaglia

Varie persone, nelle aree circostanti, posseggono una collezione personale dei resti della guerra

Nessuno può sapere con certezza quando la zona rossa sarà di nuovo accessibile

Ciò che sappiamo è che resta a monito degli orrori della guerra

A ricordarci che le sue atrocità possono continuare ben oltre la fine del conflitto.

Gli effetti diretti e indiretti della guerra sono sotto gli occhi di tutti, eppure sembra che l'uomo non riesca ad imparare dai suoi errori...

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie