Grazie alla foto scattata da un passante, questo papà ha potuto aprire un negozio e a dare un futuro a sua figlia - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Grazie alla foto scattata da un passante,…
Un uomo trova delle foto a colori di 100 anni fa: ecco gli indiani d'America come non li avete mai visti Esiste un orfanotrofio per cuccioli di bradipo... ed è il posto più bello del mondo!

Grazie alla foto scattata da un passante, questo papà ha potuto aprire un negozio e a dare un futuro a sua figlia

404.738
Advertisement

Recentemente, una foto straziante di Abdul Halim al-Attar, rifugiato siriano 33enne, è diventata virale: l'immagine ritraeva Abdul nelle strade di Beirut intento a vendere delle penne, in faccia un'espressione disperata e la piccola figlia dormiente tra le braccia.

La foto ha fatto il giro del web, colpendo profondamente Gissur Simonarson, attivista islandese residente in Norvegia, che è risalito all'identità dell'uomo per lanciare una campagna dal nome "Aiuta Abdul e Reem a cominciare una nuova vita". 

L'immagine era così disperata e struggente da essere quasi insostenibile

L'attivista islandese Gissur Simonarson, vedendola, ne è stato profondamente colpito e ha lanciato una campagna per raccogliere fondi ed aiutare Abdul.

Gli utenti sono stati estremamente generosi e Gissur è riuscito a raccogliere più di 200.000 dollari (circa 170.000 euro)

Advertisement

Grazie a quei soldi, Abdul ha potuto aprire ben tre attività, dando a sua volta lavoro ad altri 16 rifugiati siriani

L'uomo ha aperto un panificio, un negozio di kebab e un ristorante. I soldi in più sono stati donati ad altri rifugiati siriani in condizioni altrettanto critiche.

Oggi Abdul e la piccola Reem non vivono più in strada

Speriamo che il caso di Abdul non rimanga isolato e che i social network continuino ad essere sfruttati come potenti mezzi per aiutare chi si trova in situazioni critiche.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie