x
"Chiunque mi veda ora, piangerà": riappare…
Lui ha 93 anni e lei 88: si sono sposati dopo essersi conosciuti su un sito d'incontri Pessimo gusto, ma ottima esecuzione: 17 immagini di cose ben fatte ma decisamente brutte e antiestetiche

"Chiunque mi veda ora, piangerà": riappare l'inquietante messaggio inciso sulla pietra secoli fa

14 Agosto 2022 • di Matteo Cicarelli
4.006
Advertisement

L'uomo ha sempre sentito la necessità di comunicare. Le sculture, le pitture rupestri e le incisioni sulla pietra non sono altro che differenti modalità di comunicazione, ma anche un modo per lasciare ai posteri un messaggio o un avvertimento. Questo è lo scopo delle "Pietre della Fame" un tentativo di aiutare l'umanità a non incorrere in errori passati, un modo per spingerla a cambiare la propria rotta. 

Queste pietre fluviali "vivono" nascoste sotto il pelo dell'acqua, ma quando il livello del fiume si abbassa emergono rivelando le proprie inquietanti iscrizioni. Proprio per questo motivo vengono definite anche "parlanti".


Questi testi risalgono a diversi secoli fa, proprio per tale motivo le incisioni incutono ancora più terrore. Le ultime ad essere emerse sono state quelle bagnate dalle acque dell'Elba, il fiume che attraversa la Repubblica Ceca, e rivelano: “La vita rifiorirà una volta che questa pietra scomparirà”; “Colui che una volta mi ha visto, ha pianto. Chiunque mi veda ora piangerà” e “Se vedi di nuovo questa pietra, piangerai“. Queste scritte, senza dubbio, mettono paura, ma è necessario inserirle all'interno del proprio ambito culturale per poterle comprendere appieno. 

Anticamente, i villaggi venivano costruiti vicino alle fonti d'acqua, così le rive dei fiumi diventavano luoghi in cui proliferavano le civiltà. Si doveva, per questo tenere costantemente sotto controllo il canale, perché un'inondazione avrebbe distrutto i raccolti, ma l'assenza d'acqua avrebbe portato ad altri danni irreparabili, su tutti un cattivo raccolto e di conseguenza la penuria di cibo. Le pietre, in questo senso, dovevano assolvere 2 principali scopi: quello di monitorare l'abbassamento del livello del fiume e avvisare gli uomini riguardo gli effetti della siccità.

Le Pietre della Fame, anche se poste in questa nuova ottica forse continuano a incutere timore, ma potrebbero favorire l'acquisizione di una maggiore consapevolezza. Queste, quindi, vogliono solo invitare a correre ai ripari, perché nel caso in cui le scritte dovessero emergere la situazione potrebbe essere preoccupante. Il loro scopo, probabilmente, è spingere l'uomo a compiere dei passi indietro e prodigarsi per salvare il proprio futuro.

Questa scoperta potrebbe aiutare l'umanità ad acquisire maggiore consapevolezza?

Tags: ScienzaNaturaScoperte
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie