Le affascinanti immagini di questo fotografo ci mostrano cosa significa vivere a -50°C in Jacuzia - Curioctopus.it
x
Le affascinanti immagini di questo fotografo…
Non dovresti far visita a chi ha appena partorito: una mamma esausta si sfoga e spiega il perché 15 spietati modi con cui le architetture ostili delle città provano ad allontanare i senzatetto

Le affascinanti immagini di questo fotografo ci mostrano cosa significa vivere a -50°C in Jacuzia

06 Marzo 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
3.565
Advertisement

Certi angoli del Pianeta sembrano quasi irreali per quanto sono remoti. Stiamo parlando di tutte quelle realtà completamente diverse da quelle a cui siamo abituati a conoscere, e di cui magari ignoriamo persino l'esistenza.

È proprio a questi posti che spesso si rivolgono la fantasia e l'interesse di tanti fotografi professionisti come quello di cui stiamo per parlarvi. Alex Vasilyev è nato e cresciuto in una parte del mondo a dir poco estrema, la Jacuzia. Proprio a questa regione della Siberia orientale ha voluto dedicare una parte importante del suo lavoro, mostrando al mondo la sua gente e qualche scampolo di vita quotidiana. I suoi scatti riescono davvero a farci fare un viaggio attraverso luoghi, volti e usanze tanto remote quanto pieni di meraviglia. Pronti a fare un salto nella glaciale Jacuzia?

Questa regione del mondo, dal territorio sconfinato e dal clima decisamente estremo, ospita insediamenti e popolazioni che, nel tempo, si sono adattati a vivere in un luogo piuttosto inospitale. Già, perché la Jacuzia, zona in cui gli inverni arrivano a far registrare temperature a dir poco glaciali, fino a oltre -50°C, è un posto tutt'altro che semplice in cui soggiornare.

Eppure qui, distribuite in spazi vastissimi, vivono circa 1 milione di persone. Tra loro c'è anche il fotografo Aleksey Vasilyev, che sa bene cosa significa nascere, crescere e vivere da quelle parti. E per mostrarlo ha deciso di scattare delle foto a dir poco affascinanti.

Advertisement

Lo state vedendo con i vostri occhi: qui gli inverni sono lunghi e freddissimi, sembrano non finire mai. Per Alex, che ha trovato nella fotografia la sua salvezza da un problema di alcolismo di cui soffriva, documentare è la prima e più grande passione.

Il suo lavoro "My dear Yacutia", in continua evoluzione, è proprio un omaggio che il giovane fotografo ha deciso di fare alla sua terra e alla sua gente.

I suoi scatti sono costantemente calati nella vita quotidiana di questi posti remoti e ai confini del mondo. Non solo negli spazi esterni, ma anche negli ambienti interni, più intimi, di case e luoghi di lavoro.

Advertisement

Per Alex, la Jacuzia è una specie di "deserto ghiacciato", una distesa bianca e fredda che però è piena di vita, anche dove meno ce lo aspetteremmo.

Advertisement

E bisogna dire che questo fotografo, inizialmente autodidatta e senza qualifiche specifiche in quello che fa, è riuscito davvero nel suo intento. Che si tratti di volti, ritratti, momenti conviviali, paesaggi, o di giochi tra bambini, le sue fotografie "parlano" a chi le osserva.

Advertisement

"Non mi piace modificare le mie foto" ha detto Vasilyev, commentando il suo lavoro e insistendo sulla necessità che i suoi scatti siano sempre il più possibile autentici.

"Non è facile vivere in Jacuzia - ha detto ancora - d'inverno fa veramente freddo, e preferiresti stare in casa tutto il tempo. Il sole è quasi oscurato per settimane o mesi".

Gli inverni interminabili e gelidi sono davvero una caratteristica che contraddistingue la Jacuzia ma, come ha raccontato Alex, la gente del posto fa del suo meglio per sopravvivere in attesa delle stagioni più calde, brevi ma intense visto che in estate qui si registrano temperature molto calde, del tutto inaspettate vista la natura dei mesi precedenti.

Qui la natura è veramente tutto. È ciò che regola la vita degli uomini, nel bene o nel male. Ed è piuttosto evidente, a giudicare dalle affascinanti foto di Vasilyev.

Che ne pensate? Fareste mai un viaggio in questa terra remota e sconfinata?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie