Perché Il Principe William Si Inginocchia Per Parlare Con Il Figlio? Ecco La Risposta Degli Psicologi Educatori - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Perché Il Principe William Si Inginocchia…
7 errori nella cura della persona che commettiamo ogni giorno 11 fotografie d'epoca che ognuno dovrebbe vedere

Perché Il Principe William Si Inginocchia Per Parlare Con Il Figlio? Ecco La Risposta Degli Psicologi Educatori

35.727
Advertisement

Sappiamo quanto è dura educare i propri figli, e possiamo solo immaginare quanto lo sia di più quando si fa parte di una famiglia reale. Di sicuro i genitori dal sangue blu potranno contare sul supporto di esperti educatori e psicologi, per questo un comportamento del Principe William in particolare non deve essere dovuto al caso ma ad una tecnica studiata per approcciare i più piccoli. Ecco di cosa si tratta e perché ogni genitore dovrebbe seguirla. 

In molti scatti il Principe William appare inginocchiato per parlare con il figlio: in questa foto anche il Presidente Obama lo è.

Non è un atteggiamento casuale, ci sono moltissime fotografie che ritraggono il Principe e la moglie Duchessa di Cambridge adottare sempre questa posizione durante il dialogo con i due figli piccoli. 

Si tratta di una tecnica ben precisa, il cui nome è "ascolto attivo", studiata dagli psicologi Carl Rogers e Richard E. Farson. Il suo obiettivo è quello di stabilire una comunicazione più efficace con i più piccoli, che di certo non viene semplificata dalla distanza tra i volti (a causa della normale differenza di altezza) tra il bambino e l'adulto. Sappiamo infatti quanto sia importante lo sguardo nella comunicazione di messaggi o di rimproveri.

Attuando l'ascolto attivo l'adulto si abbasserà al livello del bambino, e quest'ultimo vedrà l'atto di inginocchiarsi come una maggiore vicinanza (nel senso di empatia) dell'adulto. Entrambi si sentiranno più vicini, l'adulto vedrà diminuita la sua autorità dovuta anche all'altezza e quindi sceglierà un tono di voce più pacato, e il bambino sentirà di più il coinvolgimento nel seguire un'indicazione del genitore. 

L'ascolto attivo permette all'adulto di comprendere ciò che il bambino "sente", sperimenta, e non solo le parole che pronuncia. 

L'intento è quello di trasmettere calma e serenità al bambino. Il genitore dovrebbe mostrargli il suo volto rilassato e fiducioso in una sua collaborazione: il risultato sarà quello di un bambino altrettanto calmo e collaborativo. 

Capite bene quanto sia importante l'ascolto attivo nelle occasioni in cui la famiglia reale si mostra in pubblico in presenza dei membri più piccoli.  

Non è detto però che questo comportamento non sia utile anche in una situazione più comune: se il vostro bambino non vi ascolta, sembra ignorare ciò che voi gli dite e si ribella alle vostre indicazioni, cambiate tipo di approccio e sceglietene uno che vi avvicini al bambino. L'ascolto attivo è ciò che dovete iniziare a praticare! 

Tags: BambiniUtili
Advertisement

Potrebbe interessarti anche

Lascia il tuo commento!

x

Ricevi i migliori articoli!

Iscriviti a Curioctopus.it e non perdere le migliori storie della settimana.

Iscrivendoti alla nostra newsletter accetti la Privacy Policy di Curioctopus.it

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie